Hai bisogno di ulteriore aiuto?

Visita la sezione Supporto

Fatturazione

Tutto quello che c'è da sapere

Le fatture Telepass sono trimestrali entro il limite massimo di 258,23€. In questa sezione, trovi tutti i chiarimenti sulle fatture elettroniche obbligatorie per legge dal 1° gennaio 2019 e le indicazioni per visualizzare gli addebiti nella tua Area Riservata.

Puoi trovare le tue fatture direttamente nell'App Telepass e nella tua Area Riservata.

Ricorda che le fatture disponibili sono quelle degli ultimi 24 mesi, nel caso avessi bisogno di fatture più vecchie di 24 mesi puoi richiedercele tramite form.

La fattura del contratto Telepass Family è trimestrale; può comunque subire variazioni qualora le spese, nell'arco del trimestre superino il plafond di 258,23€.

L'eventuale superamento del plafond trimestrale comporta il passaggio del ciclo di fatturazione dalla cadenza trimestrale a quella mensile, con addebito, nelle sole fatture aggiuntive, di una quota associativa di 3,72€ mensili.

La fattura tornerà trimestrale se gli importi addebitati nel trimestre di riferimento rientreranno nel limite di 258,23€.

Dal 1° Gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di emettere fattura nei confronti di tutti i soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato e si applica sia alle fatture emesse a soggetti IVA che a quelle verso i consumatori finali.

Tutte le fatture elettroniche, in formato xml, saranno trasmesse mediante il Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate e saranno recapitate attraverso le seguenti modalità:

  • cassetto fiscale;
  • indirizzo PEC;
  • codice Destinatario (di 7 caratteri).

Si, in Area Riservata del sito verrà messa a disposizione una “fattura di cortesia” non valida ai fini fiscali.

Continuerai a ricevere al tuo domicilio una “fattura di cortesia” in formato cartaceo non valida ai fini fiscali.

Le cause possono essere diverse: il primo consiglio è quello di attendere almeno 5 giorni. Ti ricordiamo che il Sistema di interscambio effettua le verifiche entro 5 giorni dalla data di invio fattura. La disponibilità della fattura elettronica è quindi subordinata ai tempi di durata di tale verifica.

Se sono trascorsi più di 5 giorni, l’indisponibilità della fattura potrebbe dipendere da problemi di recapito della stessa da parte dello SDI.

I motivi di mancato recapito della fattura possono dipendere dall’impossibilità da parte dello SdI di mettere le fatture a disposizione verso i consumatori finali. Per maggiori dettagli è possibile consultare il sito www.agenziaentrate.gov.it FAQ n. 55.

In attesa della disponibilità del documenti fiscali - è possibile utilizzare la tua fattura di cortesia disponibile nell’area riservata del sito.

No, non è possibile chiedere la riemissione di una fattura in quanto la stessa genererebbe un duplicato e quindi un rifiuto da parte del sistema d’interscambio.

Ti ricordiamo che per le fatture non recapitate correttamente dallo SdI, diversamente da quanto accade per le fatture consegnate, la data dalla quale può essere detratta l’Iva coincide con quella di “presa visione” (da parte del cliente) della fattura nell’area riservata “Fatture e corrispettivi” dell’Agenzia dell’Entrate.

Ti informiamo che l’Agenzia delle Entrate con la risposta alle FAQ n.28, pubblicata sul proprio sito, in data 27 novembre 2018, ha precisato che: Un soggetto IVA, che consegna al consumatore finale, copia in formato cartaceo della fattura elettronica, deve necessariamente indicare, nella menzionata fattura cartacea, che si tratta di una copia della fattura trasmessa elettronicamente; pertanto per obblighi normativi, non possiamo eliminare tale dicitura.